×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.
Stampa
Categoria principale: Notizie
Visite: 9410

Aggiornato per Yosemite

L'ultima versione del sistema operativo di casa Apple, OS X 10.9 Mavericks, si differenzia leggermente rispetto ai suoi predecessori Mountain Lione e Lion per quanto riguarda la creazione di un supporto di installazione e così anche per la appena uscita beta pubblica del prossimo Yosemite.

 

Vi ricordo che a partire dalla versione 10.7 di OS X, il sistema operativo non viene più venduto su supporto (CD, USB ecc.) ma solo in download tramite App Store. Questo vuol dire che in caso di necessità di reinstallazione del sistema, tramite partizione di recovery, lo stesso verrà scaricato da internet e quindi installato. Per chi ha a disposizione connessione iperveloci ciò non crea preoccupazioni, ma anche disponendo di una veloce connessione da 20 Mb, occorrerà sempre circa un ora per scaricare oltre 5GB di dati. Per questo vi consiglio sempre di creare un supporto di installazione da conservare in caso di necessità o nel caso in cui si abbia più di un Mac da installare o aggiornare. Sono presenti su internet diverse guide che illustrano come realizzare un pen drive di avvio di Mavericks anche se ancora non è disponibile all'acquisto sull'App Store, ma la maggiorparte di queste guide vi consente si di creare un pen drive avviabile che installa Mavericks, ma lo installa senza creare la partizione di recovery. La mancanza della partizione di recovery, oltre a rendervi orfani di un valido supporto in caso di problemi alla partizione di avvio del vostro Mac, non renderà utilizzabile neanche la funzionalità di "Trova il mio Mac" e FileVault. Per realizzare invece un supporto di installazione capace di creare anche la partizione di recovery, Apple ha previsto uno script eseguibile da terminale:

sudo /Applications/Install\ OS\ X\ Mavericks.app/Contents/Resources/createinstallmedia --volume /Volumes/Mavericks-USB-Stick --applicationpath /Applications/Install\ OS\ X\ Mavericks.app --nointeraction

Per la beta di Yosemite invece il comando sarà:

sudo /Applications/Install\ OS\ X\ Yosemite\ Beta.app/Contents/Resources/createinstallmedia --volume /Volumes/Yosemite-USB-Stick --applicationpath /Applications/Install\ OS\ X\ Yosemite\ Beta.app --nointeraction

 

Requisito fondamentale, è che l'installer scaricato dall'App Store si trovi nella cartella "Applicazioni" e che un pen drive o un disco o una partizione di almeno 8 GB sia presente sul Mac, e che si chiamino rispettivamente: Mavericks-USB-Stick e Yosemite-USB-Stick. ATTENZIONE!!! perché il contenuto di tale disco, pen drive o partizione VERRÀ CANCELLATO!!!!
Per i più pigri, o per chi ha paura di usare il terminale (o anche chi neanche sa cosa sia il terminale), ho preparato uno script eseguibile direttamente dal finder, con un semplice doppio click, e seguendo le istruzioni, potrete crearvi il vostro pen drive di installazione di OS X 10.9 Mavericks o Yosemite beta.

Vi ricordo che se avete già installato Mavericks senza fare una copia del suo installer dalla cartella Applicazioni ad una qualsiasi altra cartella o disco, dovrete necessariamente scaricarlo di nuovo dall'App Store, perché una volta installato, l'installer  viene cancellato dalla cartella applicazioni.

Mavericks & Yosemite USB Creator